Bellezza in volo

pubblicato in: EVENTI IN PROGRAMMA 2017 | 0
Facebooktwitterlinkedinmail
LA COLLEZIONE CAPRONI DELLA GRANDE GUERRA
CENTRO STUDI MILITARI AERONAUTICI "GIULIO DOUHET"
CESMA
5 APRILE 2017

Mercoledì 5 aprile 2017 alle ore 18.00 sarà presentato, presso la Casa dell’Aviatore, il libro Bellezza in volo. La collezione Caproni della Grande Guerra della giornalista Dott.ssa Ada Fichera, già collaboratrice di Rivista Aeronautica, dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore della Difesa, de Il Carabiniere.

Il testo è edito dal bimestrale Informazioni della Difesa, periodico ufficiale dello Stato Maggiore della Difesa, sul quale scrive anche la stessa autrice. Si tratta di un piccolo volume che si occupa di analizzare, per la prima volta in modo specifico, le opere datate nel periodo afferente al primo conflitto mondiale e appartenenti alla grande e preziosa collezione Caproni.

Nella prima metà del Novecento, infatti, l’ing. Gianni Caproni, pioniere dell’aeronautica, grande industriale e imprenditore, appassionato di arte, crea, insieme alla moglie, un vero e proprio circolo di artisti presso le sue officine, prima a Milano e poi nella grande sede di Trento. I Caproni (da cui poi il nome dei noti velivoli sui quali volò persino il d’Annunzio su Vienna) sono stati uno dei primi, e dei più importanti, esempi di mecenatismo artistico del Novecento in Italia. Certo, un mecenatismo anche a scopo propagandistico per i velivoli che l’azienda costruiva e vendeva in tutta Europa, ma di valore estetico e culturale davvero rilevante.

La collezione è vastissima, tra tele, acquerelli, carboncini, sculture, bronzi, la gran parte di soggetto aeronautico e di stile futurista. È da queste "visioni aeree" che avrà origine poi l’aeropittura vera e propria. Oggi tale collezione è in parte esposta presso il Museo dell’aeronautica “Gianni Caproni” di Trento (museo della Provincia di Trento che ha rilevato nel 2007 anche la proprietà di questa sezione della collezione artistica dei Caproni), in altra parte è rimasta di proprietà privata, della contessa Maria Fede Caproni, figlia di Gianni Caproni, oggi residente a Roma. Nel libro di Ada Fichera, focalizzando l’attenzione sulle opere di entrambe le parti della collezione, datate 1915-18, si approfondisce in modo critico l’attività dei singoli pittori (alcuni anche aviatori) e i loro rapporti con gli ambienti futuristi italiani e con la precedente tradizione legata agli ambienti della Secessione a Vienna, che ha tanto influenzato a Trento e a Rovereto questi artisti. Si affronta altresì la storia dei Caproni attraverso testimonianze dirette rilasciate all’autrice dalla contessa Caproni e da Lucia Collarile, storica dell’arte esperta nell’arte di quel periodo, che ha potuto fornire un’intervista ricca di aneddoti culturali e storici.

Relatori : Gen. D. Giorgio Baldacci (Capo V Reparto SMA), Col. Alessandro Cornacchini (V Reparto SMA/CESMA), T. Col. Mario Renna (Direttore Informazioni della Difesa), D.ssa Lucia Collarile (critico d'arte)

Sarà presente l'autrice : D.ssa Ada Fichera

NOTA : Alla Casa dell'Aviatore obbligatorio l'uso di giacca e cravatta (no jeans)

CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL’UNIVERSITA’, 20 - 00185 - ROMA (RM)