La Grande Guerra degli scienziati italiani

pubblicato in: EVENTI IN PROGRAMMA 2017 | 0
Facebooktwitterlinkedinmail
IL CONTRIBUTO DEL MONDO SCIENTIFICO ALLO SFORZO BELLICO
CENTRO STUDI MILITARI AERONAUTICI "GIULIO DOUHET"
CESMA
20 FEBBRAIO 2017

Il rapporto tra mondo scientifico e mondo militare è un rapporto di interscambio molto antico che si intensifica nel corso del primo conflitto mondiale. E’ questa l’inevitabile conseguenza del prepotente irrompere della tecnologia sulla scena mondiale tra gli ultimi decenni dell’‘800 ed i primi anni del ‘900, quando all’umanità sembra schiudersi un’era di progresso e di prosperità senza precedenti.

Nel contempo la capacità dello stato moderno di controllare ed indirizzare tutte le energie a sua disposizione attraverso una capillare struttura di controllo burocratico crea le premesse per lo sfruttamento razionale del potenziale scientifico di una nazione, potendo in molti casi far leva anche sulla convinta adesione dei protagonisti. Figure come quelle di Eugenio Elia Levi, Mauro Picone, Vito Volterra, per citare solo alcuni nomi, possono quindi figurare a buon diritto accanto a quella più nota di Guglielmo Marconi in un ideale elenco di scienziati impegnati al fronte e nelle retrovie per dare soluzione a pressanti problemi di natura operativa.

Relatori : Dott.ssa Alessia Glielmi del Museo storico della Liberazione e Ing. Cosmo Colavito della Fondazione Marconi

DRESS CODE : giacca e cravatta. Coloro che volessero fermarsi a cena al ristorante della Casa dell’Aviatore sono pregati di segnalarlo nella mail di registrazione. Per registrarsi inviare una mail a : segreteriacesma@cesmamil.org

CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL’UNIVERSITA’, 20 - 00185 - ROMA (RM)