Aerospazio e Ambiente

pubblicato in: eventi anno 2014 | 0
FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL'UNIVERSITA', 20 - 00185 - ROMA (RM)
CESMA
9 OTTOBRE 2014
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Chi sporca deve pulire! È questo uno dei messaggi lanciato dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare Pasquale Preziosa all’apertura del workshop “L’Aerospazio e l’Ambiente” organizzato dal CESMA (Centro Studi Militari Aeronautici “Giulio Douhet”) svoltosi oggi a Roma, alla Casa dell’Aviatore, con il supporto dell’AM e il sostegno di CGS, E-GEOS, IDS, Thales Alenia Space, Telespazio e Vitrociset. Media partner GEOmedia e AOS.

Due gli aspetti essenziali del convegno : l’inquinamento dello spazio causato dai detriti provocati dalla disintegrazione di sistemi spaziali, e l’opportunità offerta da questi sistemi per la tutela ambientale del pianeta. I conferenzieri, partendo dai dati impressionanti che stimano in più di un milione il numero globale dei detriti sparsi nelle varie orbite con 145 tonnellate annue di frammenti caduti, hanno illustrato le azioni che si stanno ponendo in essere a livello europeo e internazionale, per costituire un sistema integrato di rilevazione e di monitoraggio dei detriti, soffermandosi, in particolare sull’apporto che l’Italia può portare sia in termini architetturali che tecnologici.

Sono a portata di mano, alcune realizzazioni con tecnologia tutta nazionale che, opportunamente finanziate, potrebbero conferire al Paese un ruolo di leadership del settore. Non meno affascinante la seconda parte del convegno nel corso della quale sono state esaminate nel dettaglio le varie possibilità di monitoraggio ambientale tra le quali anche quelle che risultano efficaci per l’individuazione dei depositi abusivi di materiali inquinanti nella terra dei fuochi.