Caratteristiche di genere : differenze uomo/donna in situazioni operative

pubblicato in: eventi anno 2015 | 0
FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL'UNIVERSITA', 20 - 00185 - ROMA (RM)
CESMA
23 MARZO 2015
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La frase “Dietro ad un grande uomo c’è sempre una grande donna”, di Virginia Woolf, scritta all’inizio del secolo scorso, è assolutamente non più applicabile ai giorni nostri. È questo uno dei messaggi del seminario “CARATTERISTICHE DI GENERE” ha permesso un esame obiettivo e supportato da basi scientifiche sulle differenze Uomo/Donna in contesti operativi organizzato dal CESMA, (Centro Studi Militari Aeronautici “Giulio Douhet”) svoltosi oggi a Roma, alla Casa dell’Aviatore, con il supporto dell’Aeronautica Militare e della Associazione Italiana di Medicina Aeronautica e Spaziale e i sostegno di AIRPress, AOS.

La scienza ha dimostrato come uomini e donne utilizzino circuiti neuronali differenti, processino le informazioni, soprattutto quelle visuo-spaziali, in maniera differente, prendano decisioni in maniera differente. Per questo, soprattutto per chi opera in situazioni operative, può essere fondamentale valorizzare queste differenze, traendone grande vantaggio sia per l’addestramento sia per la stessa efficacia operativa. Alla presenza di circa 150 esperti, dalle FFAA, università e industrie, i conferenzieri hanno preso in esami sia la rispondenza fisica a particolari stress, sia le differenze di comportamento morale e l’impatto dei processi decisionali, soffermandosi, in particolare, sulle capacità di orientamento in condizioni ambientali estreme, necessità di addestramento, capacità decisionali sotto stress o dopo eventi traumatici, differenze di comportamento morale. Interessante il cenno alle differenze di trattamento economico e di livelli di responsabilità raggiunte dalle donne in diversi paesi di diverse aree geografiche, e, infine, un approfondimento sul comportamento e le differenze di genere ad alta quota. Alcune delle sperimentazioni descritte hanno confermato la percezione che il genere femminile abbia una maggiore attenzione al dettaglio, alla verbalizzazione, ai colori : e, cosa che non si sarebbe immaginato,
maggiore efficacia ed efficienza del sonno.

Siamo ancora all’inizio per una buon uso delle differenze di genere in situazioni operative, ma, se, come è stato detto, il voto alle donne dato 70 anni fa, siamo ancora all’inizio e il future lascia ben sperare – ha affermato il Gen. Nazzareno Cardinali, direttore del CESMA, nelle conclusioni del seminario. L’auspicio – ha concluso – e di poter approfondire il tema, con un Gruppo di Lavoro che il CESMA sarebbe lieto di ospitare.