Clima globale : il forcing planetario e la ricostruzione climatica terrestre

pubblicato in: NEWS 2017 | 0
Facebooktwitterlinkedinmail

ANDAMENTO DEI CICLI DI MILANKOVITCH E MODELLI DELLA TEORIA DI GAIA
CENTRO STUDI MILITARI AERONAUTICI "GIULIO DOUHET"

Dalle informazioni contenute nei registri geologici, attraverso rilievi paleogeografici e l’introduzione di indicatori isotopici, la ricostruzione del clima del passato evidenzia regolarità periodiche nella variabilità climatica, confrontabili con andamenti tipici quali i cicli di Milankovitch, di cui risente il nostro pianeta in quanto elemento di un contesto sistemico.

Il clima globale è riguardato innanzitutto come variabile internamente definita rispetto ai tempi geologici terrestri attraverso le analisi di vari campioni per la valutazione dei parametri morfologici di interesse; successivamente, è illustrata la dipendenza dai termini orbitali lentamente variabili ad opera dei moti secondari quale forcing intrinseco per il sistema climatico in relazione al cooling stratosferico da un lato e alle fasi interglaciali dall’altro. Per quanto riguarda le implicazioni biosferiche, è proposta la teoria di Gaia che considera il pianeta quale sistema fisiologico adattativo e autoregolante rispetto alle condizioni necessarie all’insediamento vitale, e in particolare, è illustrata la simulazione evoluzionista Daisyworld, che ha consentito il riconoscimento del modello Gaia a livello di teoria.

In questo lavoro, inoltre, sono ribaditi gli aspetti essenziali delle varie metodologie di forma numerico-statistica quali strumenti fondamentali d’indagine climatologica, non eclusivi ma integrabili rispetto ad una modellistica di previsione, su vasta scala, a carattere sistemico-induttivo.

Francesca M. Manoni