Expedictionary Logistic Operations (ELO) and additive layers manufacturing

pubblicato in: eventi anno 2015 | 0
FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL'UNIVERSITA', 20 - 00185 - ROMA (RM)
CESMA
28 MAGGIO 2015
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

I moderni conflitti, non ultimo l’operazione ISAF in Afghanistan, hanno trasformato la concezione stessa della logistica che deve essere riscritta, passando da elemento statico, ridondante per taluni aspetti e carente per altri, a key enabler essenziali (le componenti e gli assetti indispensabili e vitali allo svolgimento di una missione), in grado di essere realmente integrata, in primis, in ambito nazionale e, conseguentemente, in quelli multinazionali. Tale mutazione deve portare ad un radicale “cambio di paradigma” : le Forze Armate si rendono conto di come sia, oggi e ad ogni livello, sempre più necessario “fare meglio con meno”, e sta crescendo la consapevolezza della necessità di un radicale processo di riorganizzazione, al fine di mantenere la capacità di fronteggiare minacce simmetriche ed asimmetriche, sia all’interno che all’esterno del territorio nazionale, garantendo nel contempo una credibile cornice di sicurezza e di protezione degli interessi nazionali che devono, di contro, integrarsi e complementare lo Strumento Militare fornendo un supporto adeguato. In questo quadro, le nuove tecnologie possono essere di grande aiuto per rendere più efficaci e meno costose le ELO.

A tal fine, il workshop si è proposto il duplice obiettivo di analizzare il Combat Service Support in termini generali, allo scopo di valutare prospettive e limiti e di individuare possibili azioni future, e di focalizzare l’attenzione sulla tecnologia di Additive Layers Manifacturing (le cosidette Stampanti 3D) ed il contributo che essa potrà fornire nelle ELO.