Framework

pubblicato in: IPERSONICO | 0
Facebooktwitterlinkedinmail
GRUPPO DI LAVORO "VELIVOLI IPERSONICI"
VOLO IPERSONICO TRA COMPETIZIONE TECNOLOGICA E COOPERAZIONE : IL RUOLO DELL'ITALIA

Questa prima parte del lavoro offre, esordendo con una sintetica definizione dei sistemi che operano a velocità ipersoniche, una panoramica di studi, progetti, programmi e sperimentazioni in corso in Italia, in Europa e nel resto del mondo. Ne emerge un quadro articolato in cui prevale l’interesse per le attività spaziali ma si affaccia in modo sempre più deciso un parallelo interesse per lo sviluppo di tecnologie che riguardano o comprendono il volo ipersonico atmosferico.

Alla conferma del ruolo guida degli Stati Uniti nelle attività sperimentali si accompagna il positivo impulso che l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) sta imprimendo, in cooperazioni internazionali o con progetti europei, allo sviluppo nel medio-lungo termine di capacità nel trasporto terrestre antipodale. La vivacità in ambito europeo è ulteriormente evidenziata dalle iniziative nazionali, autonome o sostenute da ESA e/o UE. Rilevante anche il contributo italiano con le maggiori industrie del settore, le università, le PMI ed il CIRA (coordinatore di questa prima parte), spesso in posizione di rilievo, con la regia dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e, per alcuni programmi nazionali, con il contributo dell’Aeronautica Militare.

Meno evidente il posizionamento di Cina, India e Russia, soprattutto per la mancanza di informazioni accessibili, di cui si dovrà tuttavia tenere conto in relazione allo sviluppo futuro di sistemi sia in campo civile che militare.