Il CESMA nel centenario della Grande Guerra

pubblicato in: eventi anno 2015 | 0
FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL'UNIVERSITA', 20 - 00185 - ROMA (RM)
CESMA
25 GIUGNO 2015
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il centenario dell’entrata in guerra dell’Italia contro l’Austria-Ungheria il fatidico 24 maggio 1915 fornisce l’occasione per una rilettura di quegli eventi che vada oltre gli stereotipi consolidatisi negli ultimi anni, a partire dalla leggenda nera del tradimento italiano, cara a certa storiografia d’oltralpe e non solo, per finir con un’interpretazione della Grande Guerra totalmente negativa e al di fuori di una seria prospettiva storica, con una decontestualizzazione del conflitto che lo rende del tutto incomprensibile. In quest’ambito è opportuno interrogarsi anche sul ruolo dell’aviazione, andando oltre i miti e le suggestioni più comuni per proporne una visione più autentica, che permette di individuare proprio nella Grande guerra la matrice dei concetti di potere aereo e di quella competenza ambientale che è la ragion d’essere dell’Aeronautica Militare. Con questi intenti affronteremo innanzitutto il tema della guerra italiana, analizzando le motivazioni dell’intervento e le forme che questo assunse nel primo anno di guerra, per poi esaminare come lo strumento aereo cominciò ad assumere una fisionomia sempre più definita nel corso di quello stesso 1915.

Il primo passo di questo percorso sarà il convegno del 23 aprile a Milano, a cui seguiranno la conversazione del 19 maggio, alla Casa dell’Aviatore, sul tema dell’entrata in guerra dell’Italia e delle operazioni del 1915, per arrivare poi il 25 giugno a dibattere in maniera più specifica gli aspetti aeronautici del 1915 sempre alla Casa dell’Aviatore”. Nei tre anni successivi il CESMA porterà avanti ulteriori iniziative relative all’Aviazione Italiana in quegli anni per chiudere con l’evento finale che avrà luogo a Padova, dove fu firmato l’armistizio nel 1918.