L’arte della guerra nel Giappone dei Samurai : evoluzione tra dottrina classica e modernità

pubblicato in: eventi anno 2015 | 0
FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL'UNIVERSITA', 20 - 00185 - ROMA (RM)
CESMA
12 FEBBRAIO 2015
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

L’arte della guerra giapponese è strettamente collegata a quella cinese e a quella dell’Asia continentale in senso più generale. Si può suddividerla in tre periodi: classico, successivo alle invasioni mongole e successivo all’arrivo dei portoghesi. Ognuno di questi periodi mostra sue caratteristiche particolari anche se è strettamente collegato agli altri da un’organicità che crea un continuum unico, data la stessa unicità del popolo che abita l’Arcipelago.

Dopo la riapertura dei porti nel 1854, si assiste all’assunzione dei concetti occidentali e alla creazione di una nuova forma di arte bellica che unisce sincreticamente gli elementi dei due modelli. Il Dott. Alessandro Fontana di Valsalina, docente di Storia dell’Asia dal 2004 al 2014 presso le Facoltà di Scienze Politiche e Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Trieste. Esperto di storia asiatica e militare, ha al suo attivo pubblicazioni che vertono su vari campi: dalla simulazione militare alla storia delle religioni, culture ed economie centro – asiatiche in Turkestan ed Afghanistan, al cosiddetto “Grande Gioco” tra la Russia e la Gran Bretagna per la supremazia in Asia, ai rapporti tra il Giappone ed il mondo occidentale e la storia giapponese in genere.