Opzioni di impiego : Difesa e Sicurezza

pubblicato in: IPERSONICO | 0
Facebooktwitterlinkedinmail
GRUPPO DI LAVORO "VELIVOLI IPERSONICI"
VOLO IPERSONICO TRA COMPETIZIONE TECNOLOGICA E COOPERAZIONE : IL RUOLO DELL'ITALIA

Esordendo con una rapida ma efficace illustrazione dell’evoluzione del confronto armato, oggi caratterizzato da più variabili (guerra ibrida, asimmetrica, a blocchi, etc.), questa parte del lavoro si sofferma sull’adeguamento delle velocità di intervento aereo, nello spazio e nel tempo, alla rapidità ed alle dinamiche estremamente accelerate degli eventi che la tecnologia, in particolare quella relativa alle comunicazioni, consente alle parti contrapposte.

Lo sviluppo in corso di mezzi manovrabili a velocità ipersoniche introduce modifiche sostanziali nei parametri di intercettazione difensiva ma anche rinnovata efficacia nell’interdizione lontana (global reach).
Gli Stati Uniti sembrano mantenere il vantaggio tecnologico. Tuttavia gli equilibri strategici tra le maggiori potenze, tra cui quelle in ascesa come Cina ed India, che con la Russia concorrono al quadro multipolare in consolidamento, incitano a concentrare gli sforzi per eroderne il primato.

L’Italia, che già vantava nel passato invidiabili primati nell’esplorazione del volo ipersonico, mantiene un rispettabile potenziale nonostante la carenza di risorse. L’Aeronautica Militare, istituzionalmente interessata alle attività aeronautiche e spaziali, possiede le conoscenze per sostenere attivamente gli sforzi dell’industria nazionale ed, in collaborazione con i centri di ricerca e le università, opera per l’acquisizione di autonome capacità nazionali di gestione dei satelliti per la Difesa e concorre allo sviluppo nell’ipersonico.