Un fantasma da Nobel : cos’è un neutrino?

pubblicato in: eventi anno 2015 | 0
FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
CASA DELL'AVIATORE
VIALE DELL'UNIVERSITA', 20 - 00185 - ROMA (RM)
CESMA
15 OTTOBRE 2015
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La notizia che il Premio Nobel per la Fisica 2015 è stato assegnato a Takaaki Kajita ed Arthur Mc Donald per aver scoperto la massa dei neutrini è ancora sulle prime pagine dei giornali ed ecco che il Centro Studi Militari Aeronautici, fedele al suo impegno di approfondire l’attualità, ha organizzato una conferenza dal titolo : “Un fantasma da Nobel – che cosa è un neutrino?”

Ben prima della luce, a un decimillesimo di secondo dal Big Bang, i neutrini sono apparsi nell’universo. Dopo un secondo il brodo primordiale si era raffreddato abbastanza da consentire loro di muoversi liberi e ancora oggi, dopo quasi quattordici miliardi di anni, sono numerosissimi. Ma che cosa sono i neutrini? Elusivi come fantasmi, camaleontici, viaggiano indenni attraverso la materia arrivando dritti sino a noi dagli angoli più remoti e nascosti dell’universo. Gli scienziati che li studiano hanno costruito enormi rivelatori in laboratori sotterranei o in luoghi estremi come i ghiacciai polari o le profondità marine. Seguendoli nei vari laboratori per illustrare le caratteristiche dei neutrini percorreremo un “Gran Tour” scientifico a caccia di neutrini. La storia affascinante di queste particelle misteriose e le prospettive avvincenti degli studi in questo campo sono descritti da Lucia Votano alla luce della sua grande esperienza di ricercatrice, che l’ha portata a dirigere i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

Sono gli stessi laboratori che ospitano alcuni fra i più importanti esperimenti sui neutrini a livello internazionale e dove è stata dimostrata la capacità di queste particelle di ‘cambiare abito’, trasformandosi in un membro o nell’altro della loro famiglia. E’ avvincente anche la storia della ricerca sui neutrini, chiamati così nel 1933 da Enrico Fermi per indicare dei piccoli neutroni. Capaci di attraversare la materia senza interferire con essa e restando completamente ‘invisibili’, i neutrini ”ci attraversano numerosissimi e si aggirano per tutto l’universo”, come fantasmi, scrive Lucia Votano.

”Sono all’incirca un miliardo di volte più numerosi dei protoni e neutroni che costituiscono tutte le stelle dell’universo” e la capacità di attraversare indenni la materia li rende delle ”formidabili sonde, dei messaggeri che dagli angoli più lontani e nascosti dello spazio ci portano utilissime informazioni sul comportamento delle stelle”.